venerdì 29 marzo 2013

POLPETTONE DELLA RANA MAGICA





Rana magica? Eh si un nome di fantasia che ricorda quando i miei figli si sono avvicinati agli spinaci.......
Rana = verde = spinaci
L' impasto nel corso del tempo ha cambiato sembianze più volte .
Si è trasformato in bacchetta magica impilando 5-6 palline effetto pallottoliere,è diventato polpette,crocchette ed ora finalmente polpettone (ormai sono grandi).
Devo dire che,a volte, trovando versioni alternative e giocose,l'approccio alle verdure ed a sapori nuovi non è  poi così traumatico.
 Il palato, fin da piccoli , deve cominciare a conoscere nuovi gusti  che diventeranno sempre più  familiari con il passare del tempo, riconoscendoli non come nemici ma come alleati per una sana alimentazione.


INGREDIENTI:
1 kg di spinaci freschi al netto degli scarti  (o surgelati)
2 uova
250 grammi di mollica di pane(io ho usato quella integrale)
pangrattato
1/2 cucchiaino di sale 
30 grammi di parmigiano 
olio evo

ATTREZZO:
stampo per plumcake (non indispensabile ma comodo)
carta da forno  tagliata più grande dello stampo.

Dopo aver pulito e lavato gli spinaci, li lessiamo .
Una volta cotti li facciamo raffreddare, e li strizziamo bene, li mettiamo in una ciotola, aggiungiamo le uova, la mollica ammorbidita precedentemente nell'acqua e ben strizzata,il parmigiano ed il sale.
Qualora  il composto risultasse troppo morbido, aggiungeremo del pangrattato ,quel tanto che ci agevolerà per la  lavorazione del nostro polpettone.
Per comodità ,uso uno stampo di plumcake grande,lo ricopro con carta forno ,ungo leggermente con olio e inserisco l'impasto cercando di schiacciarlo bene con le mani, livellandolo senza lasciare crepe, che in cottura potrebbero far aprire il composto.
Ungiamo  la parte superiore di olio e copriamo con la carta da forno eccedente,eviterà di far bruciare la superficie.
Quindici minuti prima della fine della cottura,  apriamo la carta, in modo che anche la parte superiore imbiondisca bene.
Una volta cotto a 180 ° per 50 minuti lo sformiamo e una volta tiepido lo tagliamo a fette.

Nessun commento:

Posta un commento