sabato 7 settembre 2013

SPEZZATINO DI SOIA AL POMODORO CON CAPPERI, OLIVE E PATATE




Dopo lo spezzatino di seitan fatto tempo fa  perchè ora non provate le bistecche di soia disidratate?
Esiste anche lo spezzatino ed il granulato di soia ma lo spezzatino viene benissimo con le bistecche rinvenute nel brodo e tagliate a pezzi , sono più alte e quindi più saporite.
Preparate un bel filone di pane integrale ....la scarpetta è assicurata, buona scorpacciata a tutti!!!!!!

INGREDIENTI
250 grammi di bistecche di soia disidratate (le trovate nei     negozi specializzati bio)
1/2 bottiglia di pomodoro
500 ml di brodo vegetale ( da utilizzare per allungare il liquido di cottura )
2 carote
1 cipolla grande bianca
5 patate medie 
1 manciata di capperi sotto sale
20 olive nere di gaeta
sale qb
peperoncino a piacere
10 foglie di basilico fresco tritato
olio evo qb

Queste sono le bistecche di soia rinvenute in acqua o brodo dopo circa 30 minuti di ammollo.
Si devono ammorbidire molto bene e quando sono pronte le strizziamo a due mani per far uscire bene tutta l'acqua.
Sono delle vere e proprie spugne !!!! Un po di forza ed il gioco è fatto.Ecco il risultato...


Dopo averle strizzate le tagliamo in bei quadrotti 



ora prendiamo le carote e la cipolla 



 mettiamo tutto in un cutter per creare un bel trito



così.....




mettiamo un bel filo di olio evo e versiamo il nostro trito .
Facciamo soffriggere bene 


Versiamo i cubi di soia e facciamo insaporire 



aggiungiamo le patate tagliate a tocchetti 



aggiungiamo un bicchiere abbondante  di brodo vegetale o di acqua calda e uniamo mezza bottiglia di passata di pomodoro



in pentola a pressione al momento del  sibilo mettiamo al minimo sul bruciatore piccolo e contiamo 4 minuti
apriamo il coperchio dopo aver fatto uscire il vapore e giriamo bene.
Aggiungiamo ora le olive denocciolate , i capperi lavati dal sale e le foglie di basilico tritate e amalgamiamo bene. 
Il piatto è terminato , assaggiamo e sistemiamo di sale , aggiungiamo il peperoncino a piacere e serviamo tiepido.
Il fatto di servirlo tiepido permette alla soia di insaporirsi meglio e di rilasciare l'ultima acqua trattenuta al suo interno (esperienza minima fatta nel corso del tempo)


Per chi non ama la pentola a pressione ed utilizza il metododella cottura tradizionalem deve aggiungere di tanto in tanto l'acqua o il brodo ed allungare la cottura fin quando le patate non saranno ben cotte.
Per ovviare a questa cottura più lunga , consiglio di cuocere le patate come se volessimo farle lesse già tagliate ed aggiungerle 5 minuti prima di terminare la cottura, si insaporiranno comunque bene ed il piatto sarà ugualmente buono.

Nessun commento:

Posta un commento